martedì 1 agosto 2017

Benvenuto agosto!

Un altro mese è passato e un'altra TBR è pronta per essere seguita!
Lo scorso mese sono stata abbastanza contenta, sono finalmente riuscita a seguire la mia lista leggendo tutti i libri prefissati e aggiunti. Credo sia la prima volta!
Questo mese, invece, per me sarà molto impegnativo, dovrò rimettermi sui libri oltre che lavorare quini non so come farò a leggere tutti i libri che mi sono proposta, ma almeno ci provo.

Come prima cosa vi parlo del testo scelto per la saggistica di luglio e agosto del gruppo GoodReads Italia, che riguarda il tema dei miei studi, quindi come potrei non leggerlo? Sto parlando di Dalla parte delle bambine.




Titolo: Dalla parte delle bambine

Autore: Elena Gianini Belotti

Editore: Universale Economica Feltrinelli

Pagine: 196
Pubblicazione: 1998 (prima edizione 1973)
Link di acquisto: Amazon
Trama: La tradizionale differenza di caratteri tra maschio e femmina non è dovuta a fattori innati, bensì ai condizionamenti culturali che l'individuo subisce nel corso del suo sviluppo. Questa la tesi appoggiata da Elena Gianini Belotti e confermata dalla sua lunga esperienza educativa con genitori e bambini in età prescolare. I condizionamenti nella direzione del ruolo assegnato all'uno o all'altro sesso cominciano addirittura prima della nascita, quando si prepara il corredino: rosa o celeste, e proseguono con la scelta - da parte degli adulti - dei giochi che i bambini "possono" o "devono" svolgere nella famiglia prima e poi nella società, per giungere alle scelte più o meno coatte nel campo degli studi, del lavoro e del loro avvenire. Ma perché solo "dalla parte delle bambine"? Perché questa situazione è tutta a sfavore del sesso femminile. La cultura alla quale apparteniamo - come ogni altra cultura - si serve di tutti i mezzi a sua disposizione per ottenere dagli individui dei due sessi il comportamento più adeguato ai valori che le preme conservare e trasmettere: fra questi anche il mito della "naturale" superiorità maschile contrapposta alla "naturale" inferiorità femminile. In realtà non esistono qualità "maschili" e qualità "femminili", ma solo qualità umane. L'operazione da compiere dunque, scrive l'Autrice, "non è quella di formare le bambine a immagine e somiglianza dei maschi, ma di restituire a ogni individuo che nasce la possibilità di svilupparsi nel modo che gli è più congeniale, indipendentemente dal sesso cui appartiene." Da questa operazione trarranno vantaggio uomini e donne, e la loro stessa vita in comune.



Per il mio club del libro, I lettori diversi, sono ancora indietro per la lettura bimestrale di luglio e agosto per il quale è stata scelta una bibliografia. Ho cercato nelle varie biblioteche vicino a casa mia i testi che più mi ispiravano senza grandi risultati così credo mi butterò su questa storia che è da troppo tempo nella mia libreria:


Titolo: Grace di Monaco
Titolo originale: Grace of Monaco
Autore: Jeffrey Robinson

Editore: Piemme
Pagine: 364
Pubblicazione: Maggio 2014 (prima edizione novembre 2013)
Link di acquisto: Amazon
Trama: È il 1962. Nel suo studio, la principessa Grace sta per sigillare la lettera più difficile che le sia capitato di scrivere. È durato così poco il sogno di tornare sulle scene, dopo sette anni di matrimonio con il principe Ranieri. Hitchcock l’ha tentata con il ruolo da protagonista in Marnie e lei, con l’approvazione del marito, ha accettato. Non immaginava a cosa sarebbe andata incontro. Polemiche, critiche, accuse, i giornali che strillano che Ranieri dev’essere sul lastrico, se Grace torna a lavorare. Voci, voci, voci, proprio mentre il Principato è ai ferri corti con de Gaulle. Nel momento in cui firma la lettera di rinuncia al suo regista preferito, Grace Kelly muore per sempre. Quel giorno, Grace diventa principessa di Monaco più di quanto non lo sia diventata il giorno delle nozze. La vita di Grace ha tutti gli elementi della favola. La diva di Hollywood, icona di stile e musa di registi come Hitchcock, che rinuncia alla carriera per amore, sposa un principe e diventa la principessa amata di un mondo minuscolo e sfavillante. La fine tragica e avvolta nel mistero che la accomuna ad altri miti imperituri come Marilyn. Ma quello che si cela veramente nel suo cuore nei momenti di luce come in quelli d’ombra, è un segreto che solo chi l’ha amata molto può conoscere.


Sempre per il mio club del libro, ci sono due challenge alle quali mi sono iscritta, ovvero Il gioco dell'oca e La parola del mese. Per il primo sono finita nella casella "America del Nord" e leggere un libro di un autore americano. Per la seconda Challenge invece è stata estratta la parola Verità. Con questo libro riuscirò a completare entrambe le challenge! Si tratta di uno spin-off di una delle saghe che più ho amato, La biblioteca dei Morti, e sono curiosissima di leggerlo!


Titolo: Il tempo della verità
Titolo originale: The Library Card
Autore: Glenn Cooper
Editore: Casa Editrice Nord
Pagine: 123
Pubblicazione: ottobre 2012
Link di acquisto: Amazon
Trama: Miami, gennaio 2020. Gli Stati Uniti d’America sono sconvolti: il figlio del senatore John Killian, candidato alla Casa Bianca, è stato rapito. Mentre i giornali già parlano di una nuova ondata terroristica, l’FBI è convinta che il responsabile sia Cameron MacDonald, guardia del corpo del senatore, e concentra le indagini su di lui. In preda alla disperazione, Cameron non sa più come difendersi e chiede aiuto a Will Piper, facendo appello alla loro vecchia amicizia. Will non esita nemmeno per un istante: lascia la barca ormeggiata a Panama City, dove si è trasferito quando è andato in pensione, e raggiunge Miami. Ma ben presto l’alibi di Cameron si sgretola e le strade verso la sua innocenza si chiudono tutte, a una a una. A meno che Will non si decida a imboccare quella che porta nell’Area 51, il luogo in cui è conservata la Biblioteca dei Morti...


Non dimenticatevi che tra le iniziative del blog è ancora in corso la THE SUMME BOOK CHALLENGE, una sfida di lettura per quest'estate per la quale bisogna sottisfare pochi ma originali obiettivi! Clicca sul link per saperne di più e partecipare! 

Nessun commento:

Posta un commento

Quando commenti su Blogger, affidi a Google le tue informazioni.
Per saperne di più consulta il sito sulle Norme di privacy di Google. Qui trovi il sito aggiornato.