Una casa a Parigi di S.J. Grey



Parigi. La città dell'amore. Tutti sognano di andarci almeno una volta nella vita. Camminare per gli Champs Elysées, salire sulla Torre Eiffel, ammirare la maestosa Notre Dame de Paris, perdersi nell'arte del Museo del Louvre. Ah, quanto è meravigliosa Parigi. Era tutto perfetto, un sogno che si avvera per Steph e Mark, che già si immaginavano abbracciati a passeggiare per le belle vie della città parigina. Dopo la brutta irruzione in casa che hanno dovuto subire, notti insonni per paura che quegli uomini mascherati tornassero, una vacanza ci voleva proprio. E Parigi era la meta migliore.

Ma cosa succede quando il meraviglioso sogno si trasforma nel tuo peggiore incubo?
Steph aveva registrato la sua casa su un sito di scambio case, così almeno avrebbero risparmiato qualcosa nell'alloggio. La famiglia Petit aveva mostrato loro foto di un delizioso appartamentino, tutto il contrario di quello che si sono trovati appena atterrati a Parigi. La casa sembrava abbandonata, c'era odore di chiuso in ogni dove, polvere e muffa da tutte le parti. 

Non importa, siamo a Parigi! Steph cerca comunque di essere positiva, ma l'assenza di wifi la rende nervosa, senza di esso non può contattare sua madre e parlate con la figlia Hayden. E come se non bastasse, Mark non ha sbloccato la carta e devono campare con i pochi contanti che hanno. Ma il peggio arriva quando incontrano una strana vicina, Mirielle. Una signora un po' stravagante che trasforma tutto in un disastro. E da quel momento la vita della coppia non è più stata la stessa.

Un vero thriller coi fiocchi con qualche venatura di noir. Ricco di descrizioni ben precise che ti permettono di immaginare la scena, sono anche quelle descrizioni che ti faranno venire i brividi e salire l'ansia per tutti gli avvenimenti che saranno costretti a vivere Mark e Steph. Un mistero che si insinua dalle pagine a cui neanche tu saprai dare risposta, nonostante il testo sia scritto ponendo i due punti di vista di Mark e Steph. Una forza negativa si aggira tra di loro, si è aggrappata alla povera coppia in quella lugubre casa di Parigi e li ha seguiti a Cape Town trasformando la loro vita in un incubo.

Scritto veramente bene, la lettura è scorrevole e la suspance non manca. Un thriller che gira attorno alla mente e gli scherzi che può giocare il cervello, inserendo un pizzico di superstizione con le sue forze oscure. Hanno trasformato l'idilliaca immagine di Parigi in una città di mistero e angoscia. Ma tranquilli, potrete sempre tornare nella città dell'amore, il prezzo più grande l'hanno pagato Mark e Steph. Assolutamente consigliato, specialmente per chi ama il genere.


Una casa a Parigi di S.L. Grey
Editore: DeA Planeta
Uscita: 03 aprile 2018
Genere: Thriller
Pagine: 254

«Parigi, non sarebbe meraviglioso?».
Parigi è sempre una buona idea, specie quando il matrimonio attraversa acque burrascose e il bisogno di dimenticare un trauma recente accende il desiderio di evadere e di voltare pagina. È così che Mark e Stephanie, affidata la figlioletta ai nonni, partono da Cape Town alla volta della capitale francese, decisi a concedersi una settimana romanticamente perfetta tra pittoreschi bistrot e passeggiate mano nella mano. Ma il “delizioso” nido d’amore promesso dal sito di scambi d’appartamento si rivela molto diverso dalle aspettative; e mentre nulla tra Mark e Steph sembra andare per il verso giusto, a Cape Town non c’è traccia della misteriosa famiglia che avrebbe dovuto installarsi nella villetta dei due. Mano a mano che la vacanza perfetta prende i colori dell’incubo, il sospetto che qualcosa di oscuro possa nascondersi dietro l’intera vicenda si fa strada nella mente di Steph e del lettore. E la chiave di tutto, forse, va cercata nel passato di Mark. Perché non c’è oscurità più terribile di quella che ci portiamo dentro. In corso di pubblicazione in tredici Paesi e opzionato da Steven Spielberg con l’intenzione di trasformarlo in film, Una casa a Parigi è un formidabile thriller psicologico giocato sul filo della paranoia, dei colpi di scena e della paura.

Commenti