lunedì 19 marzo 2018

Libri da scoprire | Vita di paese di Maria Caterina Basile



Buon pomeriggio lettori!
Oggi vi parlo di un libricino davvero delizioso che ho trovato molto profondo e interessante. Si tratta di Vita di paese di Maria Caterina Basile. Ho avuto l'occasione di leggerlo grazie alla gentilezza dell'autrice e oggi, in occasione della rubrica Libri da scoprire (ex Scopri l'emergente, il nuovo nome mi sembrava più carino), vi pubblico la recensione!


Vita di paese di Maria Caterina Basile
( Editore: Nulla Die | Uscita: 30 agosto 2017 | Genere: Romanzo breve | Pagine: 73 | Acquista: qui )




È possibile fare ritorno in una terra-miraggio, rimasta nell'attesa di un futuro che pare non compiersi mai e trovare finalmente se stessi? Damiano Pellegrino, trentacinquenne simbolo di una generazione in viaggio, ci prova, affrontando e vincendo una difficile sfida.










✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿ ✿



Un romanzo breve che si legge in poco tempo ma con un messaggio al quale non puoi smettere di pensare per un bel po'. Quel lato poetico, quasi filosofico, che ha accompagnato la storia di Damiano e il suo ritorno al paese natale ti entra dentro e ti fa pensare alla tua vita.

Trentacinque anni, un lavoro per niente appagante in uno stato lontano dalla città che ti ha visto nascere e crescere, un senso di insoddisfazione perenne impossibile da superare. Così Damiano decide di abbandonare tutto e tornare a casa, in quel piccolo paese pugliese dove ad accoglierlo sono gli storici abitanti, persone che nonostante gli anni passate ti riconoscono e sono contenti di vederti.

Ma cos'è che non si rimette a posto nella vita di Damiano? Perché continua a sentirsi così fuori posto, sofferente? Per una vita non ha fatto altro che fuggire dal passato, per superarlo, per dimenticarlo. Ma c'è una grande lezione che la vita ci ha sempre dato: nessuno avrà mai pace col passato finché non deciderà di farci i conti. Solo così potrai tornare a vivere.

Un romanzo corto con una buona morale e insegnamento, non posso dirvi altro rischiando di rivelarvi gli eventi della narrazione, tranne che anche se per poche pagine, la situazione di Damiano vi entrerà nel cuore e vi farà vivere le sue inquietudini e paure, finché scavando non si scoprirà la loro origine. Solo così migliorerà e sarà in grado di vivere la sua vita serenamente.

Una storia che mi ha toccato anche a livello personale, perché il problema di Damiano è lo stesso che ha vissuto una persona a me molto cara. Se solo avessi, tre brevi parole che ti tormenteranno la vita, ti faranno pensare di non aver fatto abbastanza e che la colpa dell'accaduto sia tua. Ma non è così, la storia non si può fare con i se, non è per causa tua che le cose sono andate in questo modo. Solo che è la parte più difficile da accettare, insieme a perdonare se stessi.

Maria Caterina ha raccontato in poche parole una storia molto toccante, impossibile che non ti entri nel cuore. Scritta in prima persona attraverso i pensieri e gli occhi di Damiano, ti da la possibilità di entrare nel cuore tormentato del protagonista e vivere le sue tristi emozioni anche sulla propria pelle, insieme alla sua grande crescita personale, la quale lo farà uscire dal tunnel.

Un'ottima lettura per ricordarci che non è mai troppo tardi per perdonare i propri errori, perdonare le proprie azioni e, in particolare, noi stessi. Di ottima compagnia, ti permette di riflettere sulla nostra vita e comprendere quanto è importante vivere con noi stessi serenamente. Molto consigliato.

Voto: 🌼🌼🌼
Consigliato: Sì. 
Stagione: Estate, con una bella bibita fresca

Nessun commento:

Posta un commento

Quando commenti su Blogger, affidi a Google le tue informazioni.
Per saperne di più consulta il sito sulle Norme di privacy di Google. Qui trovi il sito aggiornato.